Vai al contenuto

Non si è ancora del tutto spenta l’eco delle polemiche sul monumento dedicato a Indro Montanelli e “imbrattato” dalla Rete studenti. Se non altro, dato il suo aspetto piuttosto funereo, per alcuni giorni, qualche milanese avrà potuto risparmiare agli occhi una visione mesta e di tristi significati onusta.

Per l’onore del sor Cilindro, non badarono a spese e fu scelta una fusione nobile, il bronzo dorato, un materiale simile a quello utilizzato per l’imperiale Marco Aurelio del Campidoglio. La statua fu inaugurata a Milano, nel vivo della campagna elettorale del maggio 2006, dal sindaco Gabriele Albertini, allora a capo di una giunta comunale di destra formata da Forza Italia, Alleanza nazionale, Lega e Udc. Erano passati solo cinque anni dalla morte del sor Cilindro. Pochini, se pensiamo che personaggi o fatti o luoghi storici ben più significativi giacciono da lungo tempo dimenticati e attendono ancora una dignitosa collocazione nella memoria pubblica. ...continua a leggere "IL MONTANELLI IMBRATTATO"

"Il 25 aprile il Paese intero canti Bella Ciao, c'è bisogno di speranza e unità"

Il 25 aprile #bellaciaoinognicasa alle ore 15: l'appello della Presidenza e della Segreteria nazionali ANPI.

L'Italia ha bisogno, oggi più che mai, di speranza, di unità, di radici che sappiano offrire la forza e la tenacia per poter scorgere un orizzonte di liberazione. Il 25 aprile arriva con una preziosa puntualità. Arrivano le partigiane e i partigiani, il valore altissimo della loro memoria. L'ANPI chiama il Paese intero a celebrarlo come una risorsa di rinascita. Di sana e robusta rinascita. Quest' anno non potremo scendere in piazza ma non ci fermeremo. Il 25 aprile alle ore 15, l'ora in cui ogni anno parte a Milano il grande corteo nazionale, invitiamo tutti caldamente ad esporre dalle finestre, dai balconi il tricolore e ad intonare Bella ciao. In un momento intenso ...continua a leggere "25 APRILE L’APPELLO DELL’ANPI"

L’azienda Lego Service, società grafica torinese con una unità produttiva a Novara in corso Vittoria, chiude. I 37 lavoratori hanno deciso di rifiutare l’anno di cassa integrazione proposto dal sindacato e quindi di accedere direttamente alla Naspi, due anni di disoccupazione, dopo il licenziamento. Lo scontro fra lavoratori e azienda, che trasferirà a breve tutta l’attività nella sede centrale di Leinì, Torino, era diventato pesante e insostenibile per i lavoratori. Infatti, l’azienda proponeva a un numero non ben precisato di lavoratori il trasferimento nella sede centrale. Un’ipotesi irricevibile e ingestibile, chiaramente una provocazione per dilatare i tempi. Novara perde quindi l’ultima realtà grafica ancora presente in città. La Lego ...continua a leggere "ALLA LEGO SERVICE DI NOVARA, CHIUSURA"

strage di lavoratori morti sul lavoro, la peggior provincia in Italia

Il 2019 è stato un anno gravissimo per le morti sul lavoro nella Provincia di Novara. Troppo spesso si tace, si ignora, si sorvola o, nella migliore delle situazioni, dopo poche ore, si mette tutto nel dimenticatoio, comprese le buone intenzioni di prevenzione e formazione anti infortunistica. I lavoratori caduti sul lavoro nel Novarese sono stati 13, 10 uomini e 3 donne; il doppio dell’anno 2018 in cui furono 7, mentre furono 6 nel 2017. È la percentuale più alta e peggiore di tutto il Piemonte fra i lavoratori deceduti e i lavoratori in attività. Nel VCO vi sono stati 2 morti, nel 2018, 5 e nel 2017, 4. Unitamente all’aumento delle vittime sul lavoro, sono cresciuti in ...continua a leggere "NOVARA, UNA STRAGE CONTINUA"

Il 18 ottobre l’Assemblea Generale dell’ONU ha votato  a maggioranza l’ingresso del Venezuela nell’organo delle Nazioni Unite che si occupa di diritti umani. L’amministrazione Trump ha messo in campo tutta la sua virulenta potenza affinché Caracas non entrasse a far parte dell’organo istituzionale. Facendosi forte del fatto che purtroppo 50 paesi abbiano riconosciuto lo pseudo governo fantoccio di Guaidò, gli Usa pensavano di bloccare la proposta. Addirittura hanno tentato di contrapporre la candidatura di disturbo del Costarica, anch’essa battuta. Si è tentato per l’ennesima volta di isolare il governo di Maduro dal resto dell’America Latina giocando la carta della situazione dei diritti umani all’interno del paese. Una ...continua a leggere "VENEZUELA ALL’ONU BATTUTA L’ARROGANZA USA"

Il tradizionale appuntamento annuale di Proposta Comunista quest’anno si terrà a Baveno, grazie alla disponibilità di una famiglia di nostri compagni, Giuliano e Enrichetta. Baveno ridente borgo turistico sulle sponde del lago Maggiore ai piedi del monte Camoscio e del Mottarone è riconosciuto anche per la sua secolare tradizione di coltivazione delle cave di granito e della dura e faticosa arte degli scalpellini. Facile da raggiungere con A26 si trova a 11 km da Verbania, 95 da Milano e 145 da Torino, gode di una incantevole vista sulle Isole Borromee del lago. ...continua a leggere "SABATO 14 SETTEMBRE 2019 ROSSO a BAVENO"

Le sanzioni economiche statunitensi nel 2017-2018 hanno ucciso 40.000 persone in Venezuela. È questo l’esito di un rapporto Usa del “ Center for Economic an Policy Research (CEPR)” intitolato “Economic Sanctions as Collective Punishment: the case of Venezuela”, redatto da due eminenti economisti, Mark Weisbrot e Jeffrey Sachs direttore del “ Center for Sustainable Developement” all’università Columbia, nonché consulente speciale del Segretario delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. Il rapporto evidenzia con chiarezza come le sanzioni, un vero e proprio blocco economico, hanno provocato un aumento forte e sensibile delle malattie e della mortalità di adulti, anziani, e bambini a causa delle difficoltà di acquisto dei medicinali. La copertura vaccinale della popolazione è calata del 40%, una soglia ...continua a leggere "VENEZUELA, LA SPORCA GUERRA USA DI TRUMP"

A Saintes Maries de la Mer, in Camargue, nella Francia meridionale, nel Parco naturale della Camargue, il 24 e 25 maggio scorsi si è celebrata la festa di Santa Sara, patrona di tutti i gitani. Una vera festa gitana, con abiti sgargianti, musiche gitane, danze e tradizioni provenzali. Un rituale che si perpetua da secoli. Iniziata il 24 maggio con la processione della Santa portata fino al mare da gitani e cavalieri della regione di Camargue in sella a cavalli bianchi in uno scenario spettacolare e emozionante per qualsiasi persona credente o non. Terminate le funzioni religiose iniziano i festeggiamenti. È allora che si avverte e si percepisce il forte senso di appartenenza che unisce e chiama a raccolta i nomadi d’Europa e non solo. Un tempo, con i loro carri colorati e di allegria, ora rimasti pochi, adesso con i camper e le roulotte, case viaggianti. Esperienza unica, interessante, di umanità e di conoscenza verso il popolo dei gitani, “quelli” considerati in questa società, “gli ultimi”.

di Marco Travaglini

Cinquanta studentesse e studenti piemontesi, accompagnati da dieci docenti e da un esperto degli Istituti storici della Resistenza del Piemonte parteciperanno dal 30 maggio al 2 giugno al viaggio studio a Monaco di Baviera, Ulm e al lager di Dachau. Il viaggio fa parte delle visite sui luoghi della memoria riservate agli studenti vincitori della 38a edizione del progetto di Storia contemporanea, promosso dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale del Piemonte in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale.

Monaco, la capitale bavarese dove nacque il nazismo. Monaco, la capitale della Baviera, ospita edifici antichi e numerosi musei. In Marienplatz, la piazza centrale dell’Altstadt (città vecchia), si trovano monumenti come il Neues Rathaus, il municipio in stile neogotico con il Glockenspiel, un carillon le cui statuine rappresentano eventi avvenuti nel XVI secolo. Il Centro di documentazione sul Nazismo di Monaco, inaugurato il 30 aprile 2015 in occasione del 70°anniversario ...continua a leggere "STUDENTI PIEMONTESI A MONACO, ULM E DACHAU"

Si sono auto definiti “il governo del cambiamento”, ma vizi e sotterfugi di chi va al potere sono sempre quelli

L’importante è nascondere, non sapere, fingere, come sempre. Meglio è propagandare quotidianamente falsità che alla fine diventano “verità”; meglio lanciare fumo negli occhi dei cittadini. Questa è la peculiarità del governo Di Maio – Salvini. Nella lista dei bandi della Consip, società che gestisce gli acquisti di beni e servizi per la pubblica amministrazione, si sono scoperti due bandi del governo M5S- Lega a fine anno 2018 per l’acquisto di 8250 auto blu, anche di lusso. Costo 168,5 milioni di euro; 7900 così dette “auto grigie”, veicoli di cilindrata inferiore a 1600 cc; suddivise fra 1500 forze dell’ordine; 1500 furgoni; 1250 a doppia alimentazione o ibride; 200 motociclette; 380 auto con cilindrata superiore a 1600 cc tutte blindate così ripartite per categoria: 140 berline, 80 a cinque porte, 160 fuoristrada. Si è mascherato con il 18% dei nuovi acquisti alle forze dell’ordine, il classico vizietto dei rampanti al potere, della nuova casta che, come nelle migliori tradizioni italiche, non ne sapeva nulla. Questa è stata l’espressione di Luigino Di Maio, ignaro di ogni cosa, anche sulle gravi crisi industriali che colpiscono i ...continua a leggere "DA CASTA A CASTA, NIENTE CAMBIA"

Pubblicazione non periodica a cura di ass. culturale Proposta Comunista - Maggiora (NO) - CF e PIVA 91017170035 Privacy Policy